IL Kung - Fu
 

Dal tang lang al ba bu tang lang quan

Menu Home page
Home Sensei
Menu Budo
Home Budo
Menu Kung-Fu
Home Kung-Fu

In cantonese è Tong Long, nel Sud della Cina Sun Kiik, nel Nord Chuk Kai Chuan

Il Maestro di questo stile è rappresentato dalla figura di Wang Lang vissuto nella contea di Jimo durante la dinastia Ming (1368-1644). Fornito di un talento per le arti marziali fuori dal comune, lo sviluppò e lo affinò grazie alla sua ricerca di un sistema di combattimento ideale e alla sua permanenza presso il monastero Shaolin del monte Song.

Il tang lang deve la sua nascita a una lotta tra una cicala e una mantide religiosa a cui Wang Lang assistette: la mantide, pur essendo più piccola dell’altro insetto, ebbe ben presto la meglio sulla cicala. Il suo segreto stava nell’attendere pronta i movimenti di attacco dell’altra con le zampe anteriori che sembravano atteggiate a una forma di difesa; quindi uncinava con esse la cicala e la colpiva con movimenti rapidi e precisi. Wang Lang catturò subito la mantide e iniziò a studiarne attacco e difesa stuzzicando l’insetto con dei bastoncini. Grazie a questo studio potè ritornare presso i monaci guerrieri e vincere la sfida che aveva gettato loro. Wang Lang continuò a codificare e a raffinare questo stile per tutta la vita.

Per lungo tempo questo stile è rimasto segreto e i suoi allievi pochi. Per questo le notizie del tang lang alla morte del Maestro si frammentano. C'è chi sostiene che le sue tecniche siano state insegnate ad un "laico" da Sheng Xiao Dao Ren, allievo del fondatore, e chi invece ribatte che la sua diffusione sia avvenuta soltanto sei generazioni dopo Wang Lang.

Nel tempo la riservatezza dello stile si è diradata e ha fatto sì che si conoscessero i nomi dei maestri più abili (vedi schema).

Tra questi spicca il nome di Jiang Hua Long (1865 - 1924 o 1926), soprannominato "mano fantasma" per la velocità della sua mano, uomo di grande elevatura morale che più volte accorse in aiuto al popolo oppresso (anche a rischio della propria vita), arrivando persino a rubare ai ricchi per dare ai poveri.

Grazie alla sua popolarità ebbe modo di conoscere elementi provenienti da altri stili come i passi del ba gua zhang, i movimenti rettilinei e potenti del xing yi quan e quelli circolari e armonici del tang bei quan. Da questa miscela nacque  il Ba Bu Zhai Yao Quan (sommario di otto passi), un sistema di sei sequenze preordinate.

Primo allievo di Jiang Hua Long fu Feng Huan Yi, a cui venne dato il soprannome di "Ombra fantasma" per la sua abilità nei movimenti di piedi leggeri e sfuggenti del ba bu e quando attaccava pareva impossibile sfuggirgli.

Alla morte del maestro (vissuto fino a 126 anni) quindi Feng divenne il grande maestro di ba bu tang lang della seconda generazione: anche lui, attraverso  un processo di selezione, studio e perfezionamento, contribuì all'arricchimento di questo stile aggiungendo tecniche di proiezione e chiavi articolari apprese da altri stili praticati in gioventù.

top continua...
Copyright 2001-2019 TDE Informatica Home  > Budo  > Kung Fu