Articoli

Amatori: l'unica sfida con se stessi
Salto nel vuoto

Menu Home page
Home Sensei
Menu Articoli
Home Articoli
 

di Ferdinando Balzarro

Per tutte quelle scelte che possiamo definire importanti per non dire vitali.

A ottomila metri di quota la temperatura scende a meno trentacinque gradi. L’ossigeno puro, erogato dalla maschera che aderisce a bocca e naso, previene le due reazioni psico-organiche di segno opposto che possono verificarsi in carenza di aria respirabile. Una di queste conferisce un incongruo e subdolo stato di benessere al quale si accompagna la propensione a sottovalutare gli oggettivi pericoli ambientali e quindi dar vita a comportamenti inadeguati dalle conseguenze imprevedibili. L’altra induce a una sensazione di spossatezza generale, enorme difficoltà di concentrazione, nausee e vertigini, desiderio di abbandono, voglia di rinuncia. La porta assiale del grande C 130 dell’Aeronautica militare, già da un po’ di minuti è spalancata, la sua rampa grigia sulla quale si è subito formato il ghiaccio della condensa, si estendeper alcuni metri oltre la carlinga, in pieno vuoto; tutt’intorno solo cielo di un intenso color cobalto, poco più in alto cirri sfrangiati da tesi venti di quota riverberano i raggi del sole e sotto, molto sottile e simile a una breve filigrana d’argento, la pista dell’aeroporto sul quale i miei compagni e io cercheremo di atterrare. Non dipende solo da noi, non riguarda solo la capacità di manovrare i comandi del nostro paracadute: un ritardo nell’ordine di uscita, un’improvvisa raffica, una turbolenza inaspettata e tutto può complicarsi, rendere ardue o addirittura impraticabili le normali procedure di avvicinamento al campo attorno al quale cominciamo già a scorgere il verde intenso delle foreste e il lento serpeggiare dei larghi fiumi fangosi.

Ma la cosa più sorprendente che caratterizza gli attimi carichi di tensione che precedono un evento tanto straordinario e colmo di incertezza quale può essere un lancio nel vuoto è proprio l’incredibile e a tratti incosciente determinazione a compiere quell’atto irripetibile sulla ci ineluttabilità non si nutrono dubbi. In effetti sono convinto che nella vita di ogni uomo, prima o poi, si affacci quella singolare esperienza alla quale né il suo istinto, né la sua indole, né perfino la sua volontà potranno opporsi. Ciò, ovviamente, vale nelle circostanze in cui caso o fortuna impongono di compiere una scelta. Si pensi, per esempio, a quelle più comuni come lo spossarsi, o avere uno o più figli, o intraprendere determinati studi, oppure occuparsi di quel dato lavoro, o dell’attività sportiva alla quale dedicare il proprio tempo libero… mi pare quindi plausibile estendere il concetto di “salto nel vuoto” a tutte quelle scelte che possiamo definire importanti per non dire vitali.

Proviamo a pensarci! Proviamo a immaginare, tra le innumerevoli e forse dimenticate o rimosse strade sino a oggi intraprese o anche solo imboccate e presto abbandonate, quali di esse ha veramente impresso la svolta decisiva, e dato l’indirizzo definitivo e marchiato a fuoco la nostra esistenza. In pratica quella che ha condizionato e ancora condiziona la parte più profonda del nostro carattere. Non so quanto ce ne siamo resi conto, ma per ognuna di quelle scelte corrispondevano altrettanti salti nel vuoto.

top continua...
Copyright 2001-2017 TDE Informatica Home  > Articoli